Home » Imparofacendo » MERCEOLOGIA al Bar: Novità e Vintage » CONOSCERE L’ALCOL E LA LEGGE

CONOSCERE L’ALCOL E LA LEGGE

CONOSCERE L’ALCOL E LA LEGGE

Alcol e alimentazione

L’alcol etilico o etanolo contenuto nelle bevande alcoliche non è indispensabile all’organismo umano

e come tale non può essere considerato un nutriente necessario.

Esso rappresenta però un componente importante della tradizione alimentare italiana del quale

tener conto, sia per gli aspetti positivi sia per quelli negativi.

Oltre all’apporto di calorie (7 kcal per grammo di alcol), l’etanolo agisce sul sistema nervoso centrale,

tuttavia, se ingerito in dosi moderate, si minimizza il rischio e si può usufruire degli effetti positivi

delle bevande alcoliche, per questo motivo si deve conoscere la quantità di alcol etilico ingerita

in rapporto al peso corporeo.

Tra le bevande alcoliche, quelle che riscuotono il maggior consenso di Dietologi e Nutrizionisti sono

quelle fermentate come il vino e la birra, purché consumate in dosi moderate.

Il vino infatti, non si compone solo di alcol ed acqua, ma contiene circa 300 sostanze diverse,

in parte provenienti direttamente dall’uva, in parte prodotte dalle trasformazioni che avvengono durante il processo di fermentazione come i polifenoli, che esercitano effetto protettivo a livello cardiovascolare, oppure il resveratrolo che protegge dagli attacchi fungini.

La birra, d’altro canto, contiene magnesio, zinco, vitamine B2, B3 e B9, folati, composti fenolici, destrine e maltosio. Anche la birra, sempre se consumata in quantità moderate, fornisce attraverso lo xantumolo, polifenolo del luppolo, una protezione contro la proliferazione dei vasi sanguigni, responsabili di tumori al pancreas e allo stomaco, nonché una difesa contro il rischio di infarto del miocardio, al pari del vino, grazie

alla presenza di etanolo e sempre consumata moderatamente.

Il termine alcol è sinonimo di alcol etilico o etanolo il quale rappresenta il principale componente delle bevande alcoliche. Per gradazione alcolica si intende la percentuale di etanolo, in millilitri, presente per ogni 100 millilitri di bevanda alcolica.

Per chi ama la matematica:

Sapendo che la densità dell’alcol etilico è di 0,79, per calcolare i grammi di alcol presenti in una bevanda, bisogna moltiplicare il grado alcolica per 0,79.

Dose moderata: questa sconosciuta

Ognuna di queste bevande al dosaggio corrispondente contiene la stessa quantità di alcol etilico pari a 12 g circa:

• Un bicchiere di vino (125 ml).

• Una birra (330 ml).

• Un bicchiere di superalcolico (40 ml).

• Un aperitivo (80 ml).

Logo ovale 2014r

Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn