Frutta e Verdura 2

ACQUISTO

• favorire la stagionalità, evitando primizie e tardivi;

• preferire le produzioni locali, riducendo così l’intervallo di tempo che intercorre tra la raccolta del prodotto ed il consumo;

• conservare frutta e verdura in un ambiente freddo o quantomeno fresco. I tempi di conservazione vanno da 1-2 giorni ad un massimo di 5 giorni per la frutta. Per ortaggi come zucca e pomodori poco maturi evitare la permanenza in frigorifero, disponendoli in cassette di legno, in luogo fresco ed al buio per

non più di 2 settimane. Arance, pompelmi, kiwi resistono bene anche a temperatura ambiente;

• conservare le verdure acquistate già cotte in contenitori chiusi in frigorifero e consumare entro 24 ore.

da articolo in Bergamo Artigiana (Confartigianato) http://www.pointart.it/3198.pdf

PREPARAZIONE

• lavare sotto l’acqua corrente solo per il tempo strettamente necessario ad un’efficace pulizia, poiché il contatto prolungato con l’acqua disperde gli elementi nutritivi Solo alcune verdure come gli spinaci, che spesso contengono molta terra, vanno immerse a più riprese in acqua, cambiandola ad ogni lavaggio;

• asciugare accuratamente le verdure crude perché l’acqua le rende più pesanti impedendo una buona distribuzione del condimento;

• lavare la frutta intera senza eliminare il picciolo che è la porta di ingresso dell’acqua, con conseguente

perdita di vitamine, sapori e fragranza;

• sbucciare e tagliare i vegetali dopo la pulizia e poco prima del consumo per limitare la perdita di nutrienti e ridurre l’ossidazione dovuta all’esposizione all’aria e alla luce;

• rompere l’insalata con le mani poiché l’uso di strumenti metallici accelera l’ossidazione.

da articolo in Bergamo Artigiana (Confartigianato) http://www.pointart.it/3198.pdf

Frutta e Verdura invernale durante corso Sorsi di Frutta

Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn